Ultime Foto

workshop-scuole4 workshop-scuole3 workshop-scuole2 workshop-scuole

Social Networks

  • MilanMonkey Google+ Page
  • MilanMonkeys Facebook Page
  • MilanMonkeys Twitter Page

Links

  • Parkour Generations

Parkour

“Per capire cosa è il Parkour si deve pensare alla differenza che c’è tra quello che è utile e quello che non è utile in eventuali situazioni di emergenza. Solo allora potrai capire ciò che è Parkour e ciò che non lo è” (David Belle)


David Belle in uno Speed VaultIl Parkour è una disciplina metropolitana nata in Francia agli inizi degli anni ‘ 80. Il nome deriva da parcours du combattant (percorso del combattente), ovvero il percorso di guerra utilizzato nell’addestramento militare proposto da Georges Hèbert, da cui ha preso ispirazione David Belle, il fondatore di questo sport.


Il concetto alla base del Parkour è spostarsi da un punto A ad un punto B nel modo più veloce, sicuro ed efficiente possibile. Per questo il traceur (o la traceuse), colui/colei che pratica Parkour, impara a diventare forte e a muoversi come se fosse acqua tra gli ostacoli. Fluidità, forza e testa sono alcune delle note di questo sport, il movimento la sua melodia, ed un unico grande direttore d’orchestra: solo tu.



Una traceuse che esegue un Lazy VaultNon c’è competizione nel Parkour, l’unico avversario che un traceur ha è sè stesso. Migliorarsi, superare i propri limiti passo dopo passo, oltrepassare gli ostacoli sia fisicamente che mentalmente, tutto questo fa parte del percorso di chi pratica l’arte dello spostamento (come come viene anche chiamato il Parkour).


Proprio poichè il movimento deve essere efficiente e sicuro, il parkour, che a primo impatto può sembrare pericoloso, è invece una disciplina che se praticata in maniera intelligente non porta a nessun rischio. E’ fondamentale capire che dietro ai video e alle performance di traceur professionisti ci sono anni e anni di allenamento fisico e mentale, che li ha portati a raggiungere il livello a cui sono ora. Un buon traceur non corre mai rischi: è consapevole al 100% che al momento di un salto, o nell’esecuzione di un determinato percorso, è in grado di farlo e di arrivare dove si è prefissato.
Ovviamente errare è umano e gli imprevisti possono capitare in qualsiasi percorso che un uomo sceglie di intraprendere. Chi pratica parkour si allena per diventare sempre più forte, reattivo, duttile e dinamico; l’obiettivo è raggiungere il più alto grado di controllo delle proprie azioni così da rendere minima la probabilità d’errore.
L’allenamento costante è l’unica strada per sviluppare una preparazione fisica e mentale capace di sopportare l’intenso stress che generalmente si accompagna a eventuali situazioni d’emergenza.


Parkour è sinonimo di crescita sia fisica che mentale, porta al superamento non solo degli ostacoli ma anche ad ampliare la visione stessa della vita. Una disciplina che ti pone davanti ai tuoi limiti, che ti fa crescere e ti insegna a dare il 100% fisicamente e mentalmente. Una disciplina che ti aiuta e ti sprona ad aiutare,che ti permette di affrontare non solo i piccoli ostacoli architettonici ma anche i grandi “ostacoli” che la vita ti pone davanti.


“Sappiamo di poter superare ogni ostacolo. Non importa se è grande o piccolo.
Se non siamo forti abbastanza diventeremo più forti, se non siamo abbastanza veloci allora diventeremo più veloci, se non siamo bravi abbastanza allora possiamo imparare e migliorare.
Se abbiamo bisogno di tempo, bè finchè siamo vivi ne abbiamo.”
(Northern Parkour: The Nature of Challenge)

Newsletter

Total Natural Training, la nostra palestra!

Total Natural Training - Palestra Parkour, Boxe, Pilates, Allenamento Funzionale, Break Dance, Kung Fu, Difesa Personale, Ginnastica Dolce, Arti Marziali Miste MMA