Congratulazioni a Fabio “Flow” Saraceni che in data 12 marzo ha ricevuto un premio per la cultura, le arti l’informazione e il sociale. Un riconoscimento importantissimo per noi traceur e il mondo Parkour!

Fonte articolo Rhizai.it  http://www.rhizai.it/2.0/index.php?sezione=Blog&art=182

Articolo scritto da Fabio “Flow” Saraceni di Momu Parkour – Roma

Nel mese della nascita di Pier Paolo Pasolini si svolge la manifestazione dedicata al grande intellettuale e alle realtà culturali, artistiche e sociali che oggi raccolgono, interpretano e attualizzano le sue visioni combattendo le ingiustizie sociali, dando concreta continuità al suo pensiero. Dietro la consegna di un simbolico premio si avverte il desiderio di accendere i riflettori su tutti coloro che, spesso nascosti nell’ombra dell’indifferenza, migliorano quotidianamente la società in cui viviamo. Che si tratti di poesia, cinema, sport, comunicazione e quant’altro l’obiettivo è sempre lo stesso: l’affermazione di un messaggio positivo, vitale, legato alla modernità e alla portata universale del pensiero pasoliniano.

flow_premiato

Per noi traceur un “riconoscimento” inatteso ma importantissimo. Finalmente il parkour, al pari delle altre espressioni artistiche, è stato portato ad esempio come utile mezzo per combattere il disagio sociale ed essere foriero di valori elevati. Consapevoli che, nonostante gli sforzi dell’organizzazione del “Premio Monteverde Pier Paolo Pasolini”, si è riusciti a dar luce solo alla punta di quell’iceberg fatto di realtà, associazioni, persone che si battono ogni giorno per raggiungere il nostro medesimo scopo, ci piacerebbe condividere questo onore con tutti loro, amplificando il messaggio di speranza che in questa occasione ci è stato consegnato. Anche se spesso ci sentiamo invisibili e ci scontriamo con i muri innalzati da una società individualista e omologata, noi andiamo avanti, perché noi non siamo “quelli che saltano per strada”, noi siamo quelli che superano l’ostacolo non solo con il corpo ma con la mente, che travalicano i limiti alla ricerca di un futuro migliore, con la speranza di aiutare chi si è fermato davanti a quel muro.

premio_pasolini

Questo riconoscimento è il chiaro segnale che stiamo sulla strada giusta. A tutti i fratelli traceurs grazie: “per insegnare a sconfiggere l’alienazione e il disagio delle periferie con le proprie potenzialità artistiche e fisiche, scavalcando i muri della devianza sociale”.

Fabio Flow